Weekend instabile, torna il maestrale: domani pioggia e freddo

venerdì 14 dicembre 2018

Una perturbazione piloterà nuovamente l'aria fredda presente sui Balcani verso le nostre regioni: piogge e neve sui rilievi oltre i 5/600 metri. Immediato miglioramento domenica .

EVOLUZIONE Anche nel corso del fine settimana il tempo sull'Italia continuerà a risentire dell'interazione fra l'aria molto fredda di origine artica, che da qualche giorno staziona sull'Europa orientale, e le correnti più miti e umide che arrivano dall'atlantico.

Tra venerdì e sabato, in particolare, una perturbazione proveniente dalla Francia porterà un nuovo peggioramento al centro-sud: sarà pilotata da una circolazione depressionaria in rapido spostamento verso lo Ionio che piloterà parte dell'aria fredda dai Balcani verso il settore Adriatico determinando anche un netto calo delle temperature.

Su Puglia e Basilicata sarà quindi un weekend spiccatamente variabile: mite con pochi fenomeni venerdì, freddo con piogge e neve in alta collina sabato ma soleggiato già domenica.

L'evoluzione nel corso del weekend: la circolazione depressionaria in veloce spostamento sullo Ionio attirerà parte dell'aria fredda presente sui Balcani verso il medio-basso Adriatico terminando un netto calo termico.

VENERDI Giornata variabile e mite. Dopo le piogge notturne, infatti, avremo cieli irregolarmente nuvolosi con schiarite soprattutto sui settori centro-meridionali mentre su foggiano e potentino la nuvolosità sarà più compatta con possibilità di piogge. Le temperature risulteranno in sensibile aumento su entrambe le regioni e in particolare sul Salento con massime comprese fra 12 e 18 gradi. Dalla sera il tempo peggiorerà sulla Puglia meridionale e in particolare sul settore ionico - attendibilità 95%

SABATO Freddo e piogge. Tempo in generale peggioramento, inizialmente su Salento, foggiano e melfese, ma in estensione al resto di entrambe le regioni con piogge e locali temporali (più probabili sui settori ionici). I venti ruoteranno a maestrale ovunque mentre le temperature subiranno un progressivo e netto calo su tutto il territorio. Generale miglioramento dalla notte - attendibilità 80%

Tornerà anche la neve a quote medio-alte di collina: in particolare dal pomeriggio l'entrata di aria via via più fredda farà velocemente calare la quota neve soprattutto sui settori centro-settentrionali: i fiocchi potranno rivedersi quindi su Gargano, Subappennino, e melfese (da 8/900 fino a 5/600 metri), verso sera anche sull'Alta Murgia e Appennino Lucano (1000 fino 6/700 metri). Si tratta di quote suscettibili di variazioni: se le precipitazioni resisteranno più a lungo non sono escluse sorprese anche più in basso.

DOMENICA Situazione meteo in netto miglioramento: all'alba saranno possibili residui e isolati fenomeni lungo il basso Adriatico ma avanzeranno ovunque ampie schiarite. Tuttavia il clima resterà freddo e ventoso con temperature sotto la media e maestrale sostenuto. Rischio gelate nella notte successiva - attendibilità 70%

Anche l'inizio della nuova settimana non si discoterà dal copione del weekend: tra lunedì e martedì, infatti, ci sarà il rapido passaggio di una nuova perturbazione che porterà un veloce peggioramento e piloterà ancora aria fredda dai Balcani verso le nostre regioni: il tempo resterà quindi instabile, freddo e ventoso.

MeteOne


 
Altri articoli di "Meteo"
Meteo
15/01/2019
 Ultimo giorno di freddo durante le ore centrali della giornata. Tempo in ...
Meteo
14/01/2019
 La carta sinottica prevista per le 13 di oggi, ora locale, mostra l’ennesima ...
Meteo
13/12/2018
 Nuovo peggioramento in atto, merito di due perturbazioni di origine atlantica che ...
Meteo
10/12/2018
 Aria più fredda di origine artica sta affluendo sui Balcani e in parte anche ...
Al Cinema Bellarmino di Taranto arrivano le “Giornate del Cinema Horror”:  anteprima il 31 ...