“Tra i due mari contro le discriminazioni”: a Taranto il Net.Work Tour

giovedì 19 ottobre 2017
Tappa a Taranto il 20 ottobre per il Net.Work Tour, il tour di sensibilizzazione con l’obiettivo di contrastare le varie forme di discriminazione che i cittadini stranieri subiscono.

Combattere il razzismo e le disuguaglianze. È questo l'obiettivo del Net.Work Tour, il tour di sensibilizzazione su quattro ruote che viaggerà per quindici piazze dell’Italia centro-meridionale (Umbria, Campania e Puglia) con l’obiettivo del contrasto alle varie forme di discriminazione che i cittadini stranieri subiscono nell’accesso al mercato del lavoro e nei diversi ambiti di vita: accesso ai servizi, scuola, tempo libero. Il camper contro la discriminazione è partito da Foligno il 23 settembre, è già passato da Perugia e da Terni e la prossima tappa sarà Taranto, prima meta pugliese.

Per ogni tappa vengono realizzati eventi tematici legati alla realtà del territorio, a Taranto infatti il 20 ottobre prossimo per l’intera mattinata si terrà la manifestazione: “Tra i due mari contro le discriminazioni”, all’interno del palazzetto dello sport Valentino Mazzola. La mattinata si dividerà tra un momento di sensibilizzazione in tema di flussi migratori e un momento di sport contro la discriminazione. Si partirà alle 9 con un incontro pubblico con Ahmad Al Rousan, coordinatore dei mediatori culturali di Medici Senza Frontiere e testimone diretto dei salvataggi, i giornalisti Gaetano De Monte e Giulia Presutti e la dottoressa Irene Masci, che insieme discuteranno della realtà degli arrivi via mare e dell’accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo. In contemporanea si terranno diverse rappresentazioni sportive di tiro con l’arco, baseball, pallavolo e calcio, che vedranno impegnate alcune classi del liceo scientifico Ferraris e i richiedenti asilo e protezione internazionale ospitati dall’associazione di promozione sociale Babele.

La campagna fa parte del progetto Net.Work - Rete Antidiscriminazione di cui Cidis Onlus è 
capofila, realizzato in partenariato con Arci Napoli, ASGI (Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione), L’IRISS, l’Istituto di Ricerca sull’Innovazione e i Servizi per lo Sviluppo del CNR, CSC – e con il patrocinio di diversi enti pubblici, (tra cui i comuni di Napoli e Bari, e la regione Umbria).

Saranno inoltre esposte alcune immagini dei campi profughi di Idomeni, scattati di Andrea Rotelli durante la marcia overthfortress (la carovana che ha raggiunto la Grecia e il confine greco-macedone a marzo del 2016).

Altri articoli di "Cultura"
Cultura
06/09/2017
Irene Lamanna, associazione Taranto Turismo:“Non ...
Cultura
17/03/2017
L'evento è inserito nell'iniziativa “Letture a ...
Cultura
10/03/2017
L'appuntamento si terrà venerdì 10 Marzo ...
Cultura
22/01/2017
 La classifica della rivista Forbes fotografa ...
 Sabato 6 Gennaio al Vintage Enoteche, Franco Cosa e Antonello Parisi in "Cordialmente ...