Festa Patronale a Grottaglie: al via la prima edizione de "La Festa Noscia"

venerdì 2 settembre 2016
Si avvia alla conclusione la Festa Patronale in onore di San Francesco De Geronimo con una iniziativa che rappresenta quest’anno una vera e propria novità.

Come da programma, infatti, nei giorni più importanti della festa, cioè nelle serate di sabato 3 e domenica 4 settembre prossimi si terrà, in pieno centro storico della Città della Ceramica (in particolare nella zona che abbraccia la storica Piazza Regina Margherita e il Santuario di San Francesco De Geronimo) la prima edizione de “LA FESTA NÓSCIA”. 

Percorso enogastronomico:

“Pi strate e tiémpi antici”, a cura dell'Associazione “Le Idee non mancano”.
Un' iniziativa che rientra anche nelle varie attività programmate in occasione del Terzo Centenario della morte di San Francesco De Geronimo e che mira non soltanto a far trascorrere ai Grottagliesi e ai graditi ospiti del territorio circostante due gradevoli serate all’insegna della riscoperta “t'lu pane ccunzàto” e “t'la pignata” (ossia del “pane conciato” e della “pignatta”, antica tipologia della ceramica rustica grottagliese), ma a vivificare, anche se per alcune ore, il nostro straordinario centro storico che reclama da tempo interventi concreti di tutela e di valorizzazione.

In particolare, i due elementi del pane e della pignatta, richiamano non soltanto la tradizione popolare comune a tanti centri del nostro Sud, ma rievocano anche il miracolo del pane che viene raccontato nelle biografie del Santo Patrono di Grottaglie Francesco De Geronimo, il quale, da bambino e di nascosto dalla madre, spesso sovveniva i poveri con questo prezioso cibo attingendo dalla madia della propria casa che miracolosamente rimaneva sempre piena.

Anche la pignatta, strettamente legata alla cultura figulina di Grottaglie, richiama la
semplicità del focolare domestico, dove anticamente si usava cucinare i cibi semplici e saporiti di una volta.

Si deve inoltre ricordare che proprio queste caratteristiche di semplicità e di autenticità si potranno apprezzare nella preparazione che si farà nella serate si sabato e domenica prossimi del pane conciato (t’lu pane ccunzàtu) secondo le modalità seguite dai nostri antenati che se ne cibavano anche durante le faticose ore di lavoro, praticando un foro al centro del "panéttu" e riempiendolo con le rimanenze che avevano in casa; accompagnando, ovviamente, il tutto col vino generoso delle nostre terre.

L’appuntamento, quindi, è per il 3 e 4 Settembre, dalle 20 nel centro storico di Grottaglie. Ci saranno tre postazioni con le Pro Loco di Carosino (dedicata alle specialità degli orti), di Crispiano (dedicata ai legumi) e di Montemesola (dedicata alle fave e verdure, ossia le squisite “fave e fogghje”) con cui si farcirà il pane fatto di semola “senatore cappelli”, bio prodotto dai panificatori di Grottaglie, e cioé: Pregiata Forneria Lenti - Panificio Marconi e Panificio San Ciro.

Ci saranno inoltre due postazioni con sei cantine della Puglia servite dai sommelier dell'AIS.
Le serate saranno allietate con le musiche della: Napolatino Band a parià (giorno 3), e della Jazzabanna, musica popolare alto Salento bassa Murgia (giorno 4): compagini musicali che si rifanno alla tradizione napoletana che affonda le radici nell’autentica cultura della musica e del canto popolare.

Dalle 22, infine, tutti potranno passeggiare tra Piazza Regina Margherita, cuore del
centro storico, e via San Francesco De Geronimo, dove ammirare rispettivamente la Chiesa Madre e il Santuario del Patrono con l’annessa casa natale. 
 
 
Altri articoli di "Riti Cattolici"
Riti Cattolici
26/09/2016
Torna con grandissima soddisfazione dopo cinque anni, la ...
Riti Cattolici
24/03/2016
Prosegue il pellegrinaggio dei perdoni per i Sepolcri. Fra poche ore uscirà da San ...
Riti Cattolici
24/03/2016
Hanno inizio oggi, Giovedì Santo, i Riti della ...
Riti Cattolici
21/03/2016
Si sono svolte ieri, 20 marzo, domenica delle Palme, nel ...
La XXV stagione “Eventi musicali” dell’Istituzione Concertistica Orchestrale “Magna ...