Cipe e Patto per la Puglia, Fumarola: "Non c’è più tempo. Adesso è l’ora dell’azione"

venerdì 12 agosto 2016
“Lo sblocco dei fondi Cipe deliberato il 10 agosto e le rilevazioni di Istat e Svimez che riguardano il Mezzogiorno, e la Puglia in particolare, finalmente con il segno positivo, ci lasciano ben sperare sulla inversione di tendenza che aveva, invece, afflitto il Sud del Paese”. Il segretario generale della Cisl di Puglia Basilicata, Daniela Fumarola, commenta così l’assegnazione di risorse approvate a Roma nei giorni scorsi. 

“Siamo cautamente ottimisti sulla risalita, che in questi anni abbiamo tutti atteso, affinché il lavoro, l’economia e lo sviluppo diano ancora smalto alla Puglia che, fino a 7 anni fa, veniva definita la locomotiva del Sud – osserva Fumarola – ma auspichiamo che quest’aria nuova non ci faccia ricadere negli errori che tanto abbiamo analizzato e ampiamente digerito. Gli accordi firmati per la Città metropolitana di Bari e per Taranto devono essere esempi da perseguire se vogliamo che il prodotto interno lordo della Puglia, e il suo sviluppo, riprendano a dare benessere e ricchezza ai suoi cittadini. Il rilancio di nuova occupazione, dei cantieri e degli investimenti – aggiunge il Segretario – produrranno i consumi per rimettere in moto l’economia così come abbiamo sperato in questi lunghi anni di crisi”. Secondo la Cisl la firma del Patto per la Puglia è urgente e inderogabile: “non si possono più aspettare le dinamiche politiche, le incomprensioni e le lotte interne a cui abbiamo assistito negli ultimi mesi” sottolinea la sindacalista. Allo stesso modo, secondo Fumarola, “le associazioni delle imprese devono dare vita nuova a quello slancio per formulare nuove proposte di strategie di politica industriale regionale, così come annunciato durante la firma del Protocollo d’intesa tra Confindustria Puglia e i sindacati, e che, al momento, è rimasto solo sulla carta”. Per il Segretario della Cisl di Puglia Basilicata “se agli impulsi del Governo si risponde con chiarezza d’intenti e di progetti, la Puglia sarà in prima linea per ricostruire quella ripresa che inaspettatamente vede il Sud ribaltare il trend negativo della crisi rispetto alle aree del Nord”.
 
Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
01/10/2020
Arriva una buona notizia per l'indotto Arcelor Mittal. “Una nota positiva in un ...
Economia e lavoro
26/07/2020
La Fiom Cgil di Taranto consegue, avvalendosi del patrocinio del suo avvocato ...
Economia e lavoro
22/07/2020
TARANTO - L'incertezza regna sovrana sul futuro dei ...
Economia e lavoro
22/07/2020
Al via il primo appuntamento sabato 25 luglio, a partire ...
Al Cinema Bellarmino di Taranto arrivano le “Giornate del Cinema Horror”:  anteprima il 31 ...