Biennale delle Memorie, Violante: "Martina città di memoria e valore civile"

martedì 10 maggio 2016
Si è conclusa la prima edizione della Biennale delle Memorie, promossa dalla fondazione ItaliaDecide e dalla Enciclopedia Treccani, con il sostegno delle città di Martina Franca e Matera, delle Università di Bari e Basilicata, delle Regioni Puglia e Basilicata e della Fondazione Matera 2019. 
 
E' stata molta apprezzata la partecipazione di oltre quattromila cittadini  per  la lettura integrale della Divina Commedia di Dante da parte delle scuole che ne hanno curato l'organizzazione, insieme alle associazioni culturali e alle istituzioni, con il contributo di circa 700 lettrici e lettori, di tutte le età.
La lettura popolare di Dante, svolta in luoghi simbolo dell'arte e della spiritualità, come la chiesa del Carmine, la Basilica di San Martino e il Convento delle Agostiniane - Villaggio Sant'Agostino, è stata, senza dubbio, la perla di un progetto culturale affascinante. Un progetto che ha rivisitato alcune date significative della storia della cultura europea, unitamente a quella di Aldo Moro e della storia della  Repubblica italiana, con una consistente partecipazione dei giovani delle scuole coinvolte.
 
L' amministrazione comunale esprime sentimenti di gratitudine al presidente Luciano Violante, "per la sua mai scontata generosità culturale, per l’appassionata valorizzazione del nostro territorio e il coinvolgimento di personalità di grande profilo scientifico che hanno svolto le lezioni magistrali". 
L’ assessore alle attività culturali, Antonio Scialpi, sottolinea come  “sia stata vinta la scommessa di fare comunità con la cultura. Grazie a tutti coloro che hanno consentito materialmente e culturalmente, la riuscita della manifestazione, unico esempio a sud di Napoli.”
 
Il sindaco Franco Ancona nota con piacere “una  significativa partecipazione da parte  dei cittadini, che hanno fatto di questa prima Biennale, un evento vissuto da tutta la comunità. Sono orgoglioso, come sindaco  e cittadino per questo progetto che inserisce, di diritto, Martina Franca nella rete dei grandi progetti culturali italiani.  Grazie di cuore a tutti coloro che hanno dato un contributo generoso sul piano della qualità e della concreta disponibilità.”
Molto soddisfatto il presidente emerito della Camera dei Deputati Luciano Violante: “La città di Martina Franca si è rivelata il fulcro della Biennale delle Memorie 2016, per la novità della lettura popolare di Dante, per la ricchezza e la continuità delle iniziative, per i dibattiti, i concerti e per l’altissima partecipazione dei cittadini. La lettura popolare integrale della Divina Commedia  rappresenta un segno di ricchezza civile e culturale, il cui unico grande merito và all’intera città di Martina Franca. Per quanto ci risulta nulla di simile si era verificato prima di ora in tutta Italia. L’ amministrazione comunale  ha acceso una scintilla decisiva e poi l’entusiasmo, la competenza, la passione hanno fatto il resto. E’ emersa un' immagine straordinaria di Martina Franca che ha confermato la sua 
grande tradizione civile e culturale. Bisogna  essere orgogliosi di Martina Franca, dobbiamo coltivare ed estendere questo patrimonio per  fare di Martina la città delle memorie e dei valori civili".

"Sul piano più generale -  afferma l'amministrazione - vogliamo sottolineare l’apertura a Bari, alla presenza del Presidente della Repubblica,  il concerto nella Chiesa di San Francesco,l’ammirevole impegno della città di Palagianello, che ha valorizzato il suo straordinario ambiente artistico e paesaggistico".
Le lezioni di Giuliano Amato a Matera, di Massimo Luciani e di Cesare Pinelli a Martina Franca hanno introdotto gli studenti alle forme e ai contenuti della democrazia, mentre Francesco Profumo, con la lezione sulla fabbrica 4.0 ha documentato a Matera come le stampanti 3D abbiano digitalizzato la produzione manifatturiera, indicando  la strada per una nuova rivoluzione industriale; inoltre, Dante, Shakepeare, Cervantes sono stati raccontati da Monica Maggioni, Nuccio Ordine, Stefano Bronzini, Carlo Ossola e Mario Martone, coordinati da Marino Sinibaldi.
La seconda Biennale si svolgerà nel 2018, ma si terranno nel frattempo richiami e nuove iniziative e il prossimo 11 giugno, a Martina Franca, sarà consegnato un esclusivo attestato di partecipazione a tutti i lettori della Divina Commedia.
 
Altri articoli di "Cultura"
Cultura
14/06/2020
TARANTO - Il 15 giugno si riparte con la musica live: sul palco Orchestra della Magna ...
Cultura
07/12/2018
Concerto domenica 9 dicembre alle 11: ingresso su ...
Cultura
27/11/2018
Il lungomare di Taranto porterà il nome di ...
Cultura
02/11/2018
Giovedì 8 novembre, alle ore 18.00, a Palagiano, ...
Al Cinema Bellarmino di Taranto arrivano le “Giornate del Cinema Horror”:  anteprima il 31 ...