In Puglia è già tempo di ciliegie, Coldiretti: "Pronte con un mese di anticipo"

sabato 26 marzo 2016
L’associazione degli agricoltori annuncia che i frutti che solitamente si possono gustare nel mese di maggio, saranno maturi a partire da aprile.

Aprile tempo di ciliegie: è la gustosa anomalia che l’inverno mite regala. Perché i mesi invernali più caldi di sempre, hanno portato alla fioritura anticipata molti alberi: tra questi, anche i ciliegi. E così i frutti potranno essere degustati con un mese di anticipo.

«Si prospetta una ottima campagna – dice Gianni Cantele, presidente di Coldiretti Puglia – perché la fioritura è stata uniforme e ci saranno pochi frutti gemelli. In ogni caso dipenderà tutto dall’andamento climatico dei prossimi giorni. I consumatori stanno avendo la possibilità di acquistare primizie mai viste prima a marzo e una grande varietà di ortaggi venduti a prezzi particolarmente vantaggiosi, perché le temperature anomale hanno determinato  la maturazione contemporanea di verdure».

Da Coldiretti si evidenzia che la produzione regionale di ciliegie equivale quasi al 40 per cento del totale della produzione nazionale. “Un pazzo inverno caratterizzato in Italia – si legge in una nota diffusa dall’associazione degli agricoltori - anche da un calo del 22 per cento delle precipitazioni, che ha sconvolto le coltivazioni, ingannate dall’insolito tepore, con l’eccezionale arrivo di produzione fuori stagione”.

«Vanno riconosciuti gli sforzi che gli imprenditori locali – spiega Angelo Corsetti, direttore di Coldiretti Puglia - hanno compiuto per garantire un prodotto delicato e di alta qualità come la ciliegia. Questa produzione tipica della provincia di Bari non ha subito gli attacchi della tecnologia, dato che è destinata esclusivamente al consumo fresco e per questa ragione devono essere mantenute integre la pezzatura, particolarmente consistente per la ciliegia Ferrovia, la compattezza e il sapore. Tutto ciò richiede un’accuratezza nelle fasi di coltivazione e di raccolta facilmente riscontrabile, per cui la mano dell’uomo non può essere sostituita dalle macchine>>.

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
29/08/2016
Oltreaggio alle viti di Bruno Vespa: Coldiretti Puglia e ...
Economia e lavoro
16/08/2016
Coldiretti Impresapesca propone di differenziare il blocco ...
Economia e lavoro
13/08/2016
Confagricoltura Taranto, Lazzàro: "Consorzi, la ...
Economia e lavoro
12/08/2016
“Lo sblocco dei fondi Cipe deliberato il 10 agosto e ...
Nei giorni 26 e 27 agosto si terrà a Taranto la terza edizione della festa USB ''Noi non dimentichiamo'' ...