Isole ecologiche, Pd Massafra: "Non possono funzionare perchè hanno scordato di fare l'allacciamento alla rete elettrica"

sabato 26 marzo 2016
"Incredibile, ma vero. Le isole ecologiche non possono funzionare perché hanno dimenticato di predisporre l’allacciamento alla rete elettrica" Eì questa la denuncia del Pd di Massafra, che commenta esterefatto la dimenticanza comunale.   

"Da mesi l’amministrazione comunale ha preannunciato la realizzazione di questi impianti.  Numerose sono state le polemiche sia per la loro localizzazione che sulla loro utilità. Il progetto rientra in un finanziamento della Regione Puglia per il potenziamento ed ammodernamento delle strutture dedicate alla raccolta differenziata. L’importo del contratto - spiega Vito Miccolis, capogruppo Pd Massafra - è di euro 189.713,73 ed i lavori sono iniziati il 9 giugno 2015. Il termine previsto per l’ultimazione era di 120 giorni. Noi del Pd avevamo accusato l’amministrazione comunale massafrese di volere trasformare la Tebaide d’Italia nella città dei rifiuti. Con una scellerata decisione l’ amministrazione comunale aveva programmato di realizzare sei isole ecologiche in alcune delle zone più belle di Massafra. L’assessore Gentile aveva  previsto le suddette isole in: piazza Dante (davanti alla  chiesa di San Francesco),  piazza Risorgimento (il salotto del rione dei Santi Medici Cosimo e Damiano),  piazza Pasquale Blasi (una delle zone della movida massafrese),  via Lazzaro, (l’ingresso della città e l’inizio di corso Roma che è la strada più importante dell’intero abitato),  via Taranto (la terrazza cittadina sullo Jonio), ed infine  via Napoli nei pressi di scuole ivi esistenti. Insomma un vero e proprio disastro. Tutti noi consiglieri comunali - continua Miccolis - avevamo sottolineato che tale scelta doveva essere rivista. Prima delle vacanze estive il sindaco, a causa delle contestazioni, aveva  convocato tutti i capi gruppo consiliari, sia di maggioranza che di opposizione, tutti i dirigenti comunali e l’assessore Gentile. In quell’incontro tutti avevano sollevato forti critiche al progetto. L’amministrazione comunale, recependo il dissenso e prendendo atto dell’unanime protesta, proponeva in tal sede, una mediazione, prevedendo il sicuro  spostamento delle isole previste in piazza Dante ed in via Lazzaro. Noi del PD non ci ritenevamo soddisfatti dal compromesso offerto dalla proposta di mediazione. Il Sindaco alla presenza di tutti i capi gruppo aveva, inoltre, invitato l’assessore Gentile ad adoperarsi per lo spostamento delle isole ecologiche. Venivano disattese tutte le richieste e veniva spostata solo l’isola ecologica prevista in piazza Risorgimento che veniva allocata davanti all’ex Ospedale. Nonostante le proteste del Pd i lavori sono stati completati. Sono state anche predisposte delle telecamere per evitare che le isole ecologiche diventino delle discariche a cielo aperto. Da mesi tutti ci chiedevamo perché non entravano in funzione? Ora - conclude - l’incredibile scoperta: manca l’allaccio alla rete elettrica. E’ l’ennesima perla di questa amministrazione comunale".
Altri articoli di "Politica"
Politica
22/07/2016
Sono 34 le leggi approvate dal consiglio regionale della Puglia in un anno di ...
Politica
22/07/2016
"Taranto vecchia si spegne giorno dopo giorno di ...
Politica
22/07/2016
Il consigliere regionale dei Conservatori e Riformisti, ...
Politica
22/07/2016
Botta e risposta tra Movimento 5 Stelle e Pd in Regione, sul mancato voto favorevole alla ...
Domenica 17 luglio 2016 al Museo Civico della Paleontologia e dell'Uomo di Lizzano, alle 21, e  mercoledì ...