Simona Molinari a Taranto, in concerto per il Mysterium Festival

venerdì 18 marzo 2016
Raffinata interprete del repertorio classico e popolarissima cantante jazz e pop: le due facce di Simona Molinari in un impedibile concerto del Mysterium Festival. 

“Mater Molinari”: il concerto con la popolarissima cantante Simona Molinari è uno degli eventi più attesi del cartellone del “Mysterium Festival”, la manifestazione organizzata dal Comune di Taranto, dalla Curia Arcivescovile di Taranto e dall’Istituzione Concertistica Orchestrale “Magna Grecia”, in partenariato con la Regione Puglia.

Simona Molinari ha iniziato a studiare canto giovanissima e, nel mentre si concentrava sulla musica leggera e sul jazz, i generi musicali che poi l’hanno fatta conoscere e amare dal grande pubblico, ha proseguito i suoi studi di musica classica diplomandosi al conservatorio “Alfredo Casella” dell'Aquila.
Con la sua inconfondibile voce cristallina, Simona Molinari è capace di passare, con straordinaria disinvoltura, dall’interpretazione del repertorio classico a quello jazz, le due facce di un’unica grande artista che sarà protagonista di un imperdibile concerto: “Mater Molinari” che vedrà la popolarissima cantante esibirsi al Teatro Orfeo con l’Orchestra ICO “Magna Grecia” diretta da Piero Romano.

Il concerto inizierà con una grande sorpresa: Simona Molinari sarà la voce solista nella prima esecuzione assoluta dello “Stabat Mater Dei” di Fabio Barnaba: con la direzione di Piero Romano, accompagneranno la cantante l’Orchestra ICO “Magna Grecia”, il soprano Sara Lacarbonara, il contralto Valentina Patella, il baritono Graziano De Pace e, solista all’handpan, il percussionista Loris Lombardo.
Il tarantino Fabio Barnaba è un raffinato pianista e compositore, attualmente sta lavorando al nuovo disco dei Tiromancino, che vanta collaborazioni con importanti artisti come Nek, Andrea Bocelli, Lucio Dalla e gli Stadio, con questi ultimi ha contribuito anche agli arrangiamenti del brano “Un giorno mi dirai” vincitore del Festival di Sanremo 2016.
Su una idea di Piero Romano, il Mysterium Festival ha commissionato a Fabio Barnaba questo “Stabat Mater Dei” di breve durata, circa trenta minuti, che, nel rispetto della tradizione di questa opera su testo di Jacopone da Todi, rivela la moderna impronta “pop” del compositore, un progetto musicale che, per la prima volta in assoluto in una composizione sacra orchestrale, prevede come solista l’innovativo strumento a percussione handpan.

Fabio Barnaba è anche l’autore di una delle tre suggestive “Ave Maria” che Simona Molinari canterà in questo concerto, con quella popolarissima attribuita a Giulio Caccini, in realtà composta negli anni Settanta dal russo Vladimir Fëdorovi? Vavilov, e quella celeberrima di Bach-Gounod. 

Nella seconda parte del concerto Simona Molinari canterà, accompagnata dall’Orchestra ICO “Magna Grecia” diretta da Piero Romano, i successi che l’hanno fatta amare dal grande pubblico, come “La felicità” e “In cerca di te”, e poi una serie di standard jazz e successi evergreen tratti da “Casa mia”, il suo ultimo lavoro discografico uscito lo scorso dicembre: “Smoke Gets in Your Eyes”,  “Puttin’ on the Ritz”, “Quizás Quizás Quizás” e “Dream a Little Dream of Me”.

Il concerto “Mater Molinari” del Mysterium Festival 2016 si terrà, nel Teatro Orfeo di Taranto, alle ore 21.00 di mercoledì prossimo, 23 marzo; per informazioni: Orchestra Magna Grecia, via Tirrenia n.4 Taranto (099.7304422) e via Giovinazzi n.28 (cell. 345.8004520), o Basile Strumenti Musicali, via Matteotti n.14 Taranto (099 4526853), www.orchestramagnagrecia.it.
 
Altri articoli di "Spettacoli"
Spettacoli
23/06/2016
Seconda tappa del tour 2016 di “Voci nella notte”, sfavillante tavolozza di ...
Spettacoli
20/06/2016
Musiche di Giovanni Paisiello e Francesco Paolo Tosti nel ...
Spettacoli
16/06/2016
Una domenica al “Giuseppe Manco Open Theatre” ...
Spettacoli
15/06/2016
Entra nel vivo la rassegna musicale estiva organizzata dal Symposium Cafè. Questa ...
Seconda tappa del tour 2016 di “Voci nella notte”, sfavillante tavolozza di varia umanità. ...