Ultima tappa del tour Giù le mani dal Nostro Mare del Movimento 5 Stelle, domenica 13 a Lido Bruno, San Vito

martedì 8 settembre 2015
Dopo la manifestazione organizzata domenica 30 Agosto dalla Confcommercio Taranto e a cui hanno aderito diversi stabilimenti balneari tarantini i quali hanno coinvolto i loro ospiti in un catena umana al fine di protestare contro le richieste di permesso di prospezione nel Golfo di Taranto, gli attivisti del Meet Up tarantino dichiarano che "finalmente qualcosa si muove”.
 
“Gli attivisti dei Meet Up della provincia di Taranto da anni portano avanti questa battaglia contro chi vuole speculare e devastare il nostro mare, il nostro futuro. Apprendere che Confcommercio si attiva fino ad organizzare una catena umana negli stabilimenti di Taranto, ci può solo confortare spingendoci a continuare il percorso intrapreso. Giù Le Mani Dal Nostro Mare è l’urlo di protesta che è risuonato per tutta l’estate dalla Sicilia alla Calabria, dalla Basilicata alla Puglia, coinvolgendo tantissimi attivisti, bagnanti, turisti, cittadini in lunghissime catene umane. A Taranto inoltre– continuano gli Amici di Beppe Grillo ionici – si è svolto anche il Tour 2015 Taranto e Litoranea Tarantina, Giù Le Mani Dal Nostro Mare che ci ha impegnati nelle domeniche di Luglio e Agosto presso le spiagge cittadine di Lido Azzurro, Tramontone e Viale del Tramonto e quelle locali di Marina di Lizzano (Cisaniello) e Chiatona. Evidentemente - spiegano gli attivisti - la nostra oramai annosa protesta, ma ancora di più le nostre proposte, che intendono preservare e proteggere l’ambiente valorizzando le ricchezze naturali del territorio ed affrancarsi da un modello energetico ottocentesco approntando un piano energetico che si basi sulla rete distribuita dell’energia nonché sull’uso consapevole dell’energia, non sono più isolate, e questo ci può fare solo piacere : che anche altri condividano è per noi un passo importante”.

Domenica 13 Settembre 2015 si svolgerà la sesta tappa finale del Tour 2015 Taranto e Litoranea Tarantina a Lido Bruno, zona San Vito, che vedrà per tutta la giornata attivisti impegnati ad informare i bagnanti sulle tecniche e sulle modalità con cui le multinazionali del petrolio si apprestano ad intervenire sul nostro mare, spiegandone quindi i rischi e i pericoli degli airgun e delle trivelle. Ci sarà il banchetto informativo dove si potrà firmare la petizione sulla Tutela e Valorizzazione dei tre mari di Taranto e poi, così come le altre volte, la protesta sarà urlata prendendosi per mano, con il coinvolgimento dei presenti, e formando la catena umana, l’ultima di questa lunga estate tarantina.

"Invitiamo dunque le associazioni, i comitati, la cittadinanza a partecipare alla tappa di domenica 13 Settembre a Lido Bruno a San Vito - conclude il Meet Up - certi che l’interesse comune per la protezione del nostro ambiente, del nostro territorio, del Nostro Mare aiuti a superare scogli ideologici e falsi pregiudizi e faccia urlare tutti: Giù Le Mani Dal Nostro Mare”.
 
Altri articoli di "Taranto"
Taranto
03/11/2020
Andrea Piepoli, portavoce regionale Gioventu nazionale, ...
Taranto
14/07/2020
TARANTO - Violenze, proteste, scontri e tentativi di ...
Taranto
01/07/2020
Pubblicata la gara per l’affidamento della ...
Al Cinema Bellarmino di Taranto arrivano le “Giornate del Cinema Horror”:  anteprima il 31 ...