Facciamo "due chiacchiere", ecco la mia ricetta invincibile

lunedì 28 gennaio 2013
Buongiorno a tutti!
Forse non ce ne siamo accorti, ma siamo già a Carnevale. Quest’anno finisce martedì 12 febbraio, perché domenica 17 è già la prima domenica di Quaresima.

Nei paesi cattolici il Carnevale è compreso tra il periodo dell’Epifania e la Quaresima, e termina nei giorni “grassi", quindi quest’anno da giovedì 7 a martedì 12. 
Forse più un tempo che ora, e più in alcune città d’Italia, il Carnevale era una festa in cui la popolazione faceva baldoria, si travestiva, ballava. E’ comunque  sempre una bellissima festa per i bambini, e la cosa più divertente, è lambiccarsi per trovare una maschera originale, magari da realizzare in casa. Carnevale deriva dal latino “carnem levare” (che significa “levare-togliere la carne”) ed in effetti secondo la tradizione, i cattolici durante la Quaresima dovevano astenersi dal consumo di carne per 40 giorni, per prepararsi alla Pasqua. 
Ma oggi partiamo col farci delle belle “chiacchiere”, o se preferite “lattughe, parole, frappe, bugie, cenci”… mille nomi, ma sono sempre e soltanto le frittelle di Carnevale!

Eccovi la mia ricetta collaudatissima


Chiacchiere 


Ingredienti 

500 g di farina;
100 g di zucchero; 
50 g di burro 50 o 40 g di olio extra vergine; 
3 uova medie; 
un bicchierino di liquore aromatico a scelta; 
un pizzico di sale; 
un pizzico di cannella; 
buccia di limone o arancia (non trattati) grattugiata; 
abbondante olio per friggere; 
zucchero a velo.

Preparazione 

Fate la fontana con la farina setacciata e mettete al centro tutti gli ingredienti. Impastate bene fino ad ottenere un impasto sodo ed omogeneo che lascerete riposare circa un’ora.
Stendete quindi la pasta con il matterello in una sfoglia molto sottile, se non riuscite aiutatevi con la sfogliatrice, perché dovete avere una sfoglia veramente sottile, quasi trasparente. Tagliate le sfoglie con una rotella dentata  in strisce rettangolari lunghe non più di 10/12 cm, e larghe 4/5 cm, ma possono essere abbastanza irregolari. Scaldate abbondante olio per friggere in una padella capace e cominciate a friggere senza riempire troppo, altrimenti abbasserete la temperatura dell’olio. Sgocciolatele su carta assorbente. Passatele in un piatto di servizio e, man mano a strati, cospargete con abbondante zucchero a velo. Se le avrete fatte sottili, friggendo si formeranno tante bolle in superficie, questo le renderà veramente croccanti e leggere come nuvole, provare per credere!
Alla prossima con un’altra golosa ricetta per Carnevale!

P.S.: Vi aspetto domenica 3 febbraio per il Pasta Madre Day, dalle 10 alle 12 presso il Mercato di Coldiretti in piazzezza Bottazzi a Lecce (presso lo stand  del Panificio Caroppo), per distribuire la pasta madre a chi può farne buon uso! 


A cura di Anna Maria Chirone Arnò 

Seguitemi su Facebook e su Twitter. Per chiarimenti scrivete a info@ilgustodeltacco.it 
Altri articoli di "Salento a tavola"
Salento a tavola
30/06/2016
La ricetta è una rivisitazione di uno dei piatti ...
Salento a tavola
01/06/2016
Due piatti freddi di sicuro effetto: ecco la tartara di ...
Salento a tavola
25/03/2016
Buona Pasqua a tutti con la ricetta del “sartù ...
Salento a tavola
26/02/2016
Buongiorno a tutti! Oggi parto da lontano… Sapete ...
Al Cinema Bellarmino di Taranto arrivano le “Giornate del Cinema Horror”:  anteprima il 31 ...